Ogni anno intorno alle festività di Pasqua, quando metto in ordine le idee per pensare agli auguri pasquali, inzio a fare dei bilanci sulla stagione che stiamo vivendo.

Nel primo anno del II mandato molte cose sono cambiate anche se una è senza dubbio rimasta: l’attenzione all’associato, il fulcro della nostra associazione, incentrata sui valori che contraddistinguono e sulla crescita umana
Checchè se ne pensi altrove è dai nostri ragazzi, da quelli che ogni giorno ci mettono la faccia prima in pista e poi in campo, la nostra sezione si muove e si migliora per loro tenendo sempre lo sguardo fisso su quelle qualità umane che per noi sono imprescindibili: il rispetto per tutti e l'umiltà.
Abbiamo cominciato l’anno con un progetto avveniristico, il “Tu si que vales”, e concluderemo la stagione con una grande festa per i nostri 90 anni, il torneo di calcio con le finali a San Siro; in mezzo sempre tanta dedizione e voglia di crescere che ci sta portando a concludere la stagione con risultati sempre più incoraggianti circa le scelte fatte negli anni passati, con la consapevolezza di far crescere uomini prima che arbitri. Farli cresce con l'idea che ogni domenica hanno la possibilità di mettere un tassello in più in quel mosaico che è la loro vita, un mosaico che potrà essere sempre più bella se saremo in grado di trasmettere quella passione che ci fa spendere totalmente per Milano.
Durante questa stagione i nostri ragazzi si sono tolti grandi soddisfazioni: la finale di C1 e C2 di calcio a 5, la finale di coppa Italia di eccellenza in cui abbiamo avuto arbitro e assistente.
Ora manca poco non perdiamo la concentrazione, teniamo duro fino alla fine per poter, al triplice fischio, uscire sempre a testa alta e con lo sguardo di chi sa di aver dato, come sempre, il 110%.

0
0
0
s2sdefault